Font Size

SCREEN

Layout

Menu Style

Cpanel

L'evento

Pellegrinaggio diocesano 3 ottobre 2012

Contursi Terme ha partecipato con entusiasmo al pellegrinaggio diocesano: il gruppo partito intorno alle 00,30 è giunto all’alba in Piazza San Pietro per ringraziare il Papa del dono della Beatificazione di don Mariano Arciero.

Un pellegrinaggio iniziato in un’ora in cui solitamente si va a letto, in un’ora in cui si va sicuramente incontro al buio assume il significato profondo del cammino della fede, cammino  che tante volte attraversa anche la notte ma per giungere nella luce del giorno, del sole e incontrare Cristo che è salvezza, luce e vita.

In questo caso per incontrare il Sommo Pontefice e ricevere la parola che conforta, che illumina, la parola che è luce sul cammino  e ringraziarlo della beatificazione del sacerdote Arciero.

La comunità di Contursi è stata rappresentata da don Salvatore Spingi, parroco della parrocchia Santa Maria degli Angeli e dal sindaco Graziano Lardo, insieme ad altri amministratori. Presente anche il postulatore della causa di beatificazione, don Francesco Rivieccio. Tanti bambini e famiglie presenti all'udienza con il Santo Padre.

Certamente il momento più intenso per i pellegrini della diocesi di Salerno ed in particolare di Contursi è stato quando il Sommo Pontefice  ha  pronunciato:

<<Ora rivolgo un cordiale saluto a tutti i pellegrini di lingua italiana, in particolare ai fedeli dell’Arcidiocesi di Salerno, qui convenuti con il loro Pastore Mons. Luigi Moretti. Cari amici, mi unisco al vostro rendimento di grazie per la recente beatificazione del sacerdote don Mariano Arciero, instancabile apostolo del Vangelo, fervido testimone di carità e di umiltà. Il suo esempio illumini la vostra vita e vi sostenga nel vostro cammino di fede.>>.

Emozione che è esplosa nel gruppo di Contursi cantando, sotto lo sguardo compiaciuto del Papa, il ritornello del nuovo inno.

Don Salvatore Spingi insieme al postulatore hanno consegnato la reliquia del Beato, una vertebra, nonché  un dono da parte della comunità di Contursi Terme, un piatto in ceramica con l’effigie del sacerdote santo, realizzato da Delia Ricca.

Un altro momento intenso del pellegrinaggio è stato vissuto nel pomeriggio con la solenne  celebrazione eucaristica presieduta da S.E. mons. Luigi Moretti nella Basilica papale di San Pietro.

 

Gerarda Forlenza